Il progetto

Che cosa è la stomia? Chi è lo stomizzato? Che vita conduce? Sono alcune delle domande alle quali vuole rispondere la campagna realizzata dalla FAIS onlus attraverso dodici scatti ed un video dove i protagonisti sono portatori di stomia, temporanei o definitivi. Uomini e donne, di varie fasce di età, stomizzati o ex stomizzati, che hanno risposto ad un appello pubblico lanciato nei mesi scorsi sui social. Solo due condizioni: metterci il volto e l’addome, con sacca ben in vista.

L’ideazione e la realizzazione del progetto, fortemente voluto dalla Federazione, sono state affidate ad Alice Demontis – fotografa di ritratto e reportage – che in collaborazione con Francesco Collinelli – regista e direttore della fotografia – ha creato una campagna che seppur istituzionale è informale e diretta. In maniera efficace e funzionale, per azzerare la distanza tra le testimonianze e l’opinione pubblica, lascia la parola a persone e storie reali. Sono persone che, superando qualsiasi imbarazzo, hanno deciso di metterci la pancia e anche la faccia per raccontare i propri pensieri ed esperienze di vita a tutti, vecchie e nuove generazioni: a chi già convive con un sacchetto, a chi ha la possibilità di stare vicino a una persona stomizzata ma anche a chi di stomia non ha mai sentito parlare. Nonostante la diffusione di questa pratica chirurgica, il fenomeno è ancora pressoché sconosciuto. Le questioni legate all’intestino sono infatti considerate socialmente imbarazzanti, motivo per cui manca ancora un’adeguata informazione pubblica. Questo tabù crea spesso pregiudizi verso lo stomizzato, che sentendosi discriminato tende a chiudersi in se stesso e fatica a riappropriarsi della propria vita.

La campagna è composta da:

• Una serie di 12 cartoline fotografiche, ritraenti ciascuna un testimonial e una sua citazione. In primo piano è la persona, senza filtri, nella sua interezza: una pancia che porta i segni di una storia importante e allo stesso tempo un volto fiero, rassicurante e coraggioso .

• Un video che presenta una suggestiva alternanza di volti e sguardi, con un montaggio audio tratto dalle dirette testimonianze che crea un’unica storia, un pensiero corale: un invito a reagire perché la vita non è finita!

• Un sito di riferimento: www.unsaccodaraccontare.it

La campagna s’inserisce in un progetto più ampio che prevede anche il lancio di un video realizzato unendo frammenti di più testimonianze ed uno speciale Maternità e Stomia nel quale Manuela, una giovane mamma palermitana stomizzata, racconta la sua esperienza dopo aver dato alla luce due gemelli nel dicembre del 2016.

La campagna è stata lanciata ufficialmente a Bologna il 27 maggio 2017 durante l’evento “15 anni di FAIS” che celebra i suoi primi quindici anni di attività. Presenti tutti i protagonisti, una parte di essi parteciperà anche a sessioni di lavoro sul tema della stomia. Infine, già diverse associazioni di stomizzati europee hanno manifestato interesse per la campagna, per questo è prevista anche una versione in inglese delle produzioni foto-video.

Il responsabile esecutivo del progetto è Pier Raffaele Spena.

Visita la galleria delle testimonianze e guarda lo spot!

Per maggiori informazioni consulta la pagina dedicata alla vita con la stomia.

Per scoprire la FAIS onlus e tutte le sue iniziative: www.fais.info